VENERDI’ 10 NOVEBRE 2017, CON GRANDE AFFLUENZA DI PUBBLICO SI E’ CONCLUSO IL CICLO DEI TRE INCONTRI DAL TITOLO “ADOLESCENTI OGGI: QUALI TRASFORMAZIONI…QUALI PATOLOGIE…” ORGANIZZATO DALL’ ASSIA-ASSOCIAZIONE SICILIANA PER LO STUDIO DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA

Venerdì 10 Novembre 2017, con grande affluenza di partecipanti, si è concluso il ciclo di eventi “Adolescenti oggi: quali trasformazioni… quali patologie…”, organizzato dall’ A.S.S.I.A., Associazione Siciliana per lo Studio dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

locandina

2017_locandina

Tre interessanti incontri che si sono svolti nel Refettorio piccolo della nostra Biblioteca nei seguenti giorni:

Venerdì 6 ottobre 2017 (8.30-13.30), Gustavo Pietropolli Charmet, con la relazione: “Attacchi al corpo in adolescenza”;

Sabato 28 ottobre 2017 (8.30-13.30), Simona Argentieri con la
relazione: “Il problema della prevenzione secondo la psicoanalisi”;

Venerdì, 10 novembre 2017 (8.30-13.30), Matteo De Simone con la relazione:
“Tra adesso e adesso/tra io sono e tu sei/ la parola ponte. L’infinita frattura tra adulti e adolescenti come genesi di nuove patologie”
E’ intervenuto Gianni Giacomelli monaco, Priore di Fonte Avellana

IMG_20171006_100456

Per tutte le altre foto clicca qui

Annunci
Pubblicato in News

QUESTA SERA, MARTEDI’ 24 OTTOBRE 2017 ALLE ORE 20.00 AL TEATRO MASSIMO BELLINI, IL MINISTRO DARIO FRANCESCHINI PRESENTERA’ LA STAGIONE LIRICA 2018

Oggi 24 ottobre 2017, alle ore 20.00, l’ Ente Autonomo Teatro Massimo Bellini presenterà al pubblico e alla stampa la ricca e variegata stagione lirica 2018 nel magnifico Foyer.
In questa occasione sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini. Interverrà Il Sindaco di Catania e Presidente del Teatro Massimo Bellini Enzo Bianco

catania-piazza-teatro-bellinifoyer

Pubblicato in News, Rassegna Stampa | Contrassegnato , , , , , ,

VENERDI’ 20 OTTOBRE 2017 ORE 16.30, NEL REFETTORIO PICCOLO DELLA BIBLIOTECA, SI TERRA’ LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME “IDENTITA’. L’ALTRA FACCIA DELLA STORIA” DI ADRIANO PROSPERI

locandina

Venerdì 20  ottobre 2017

nel Refettorio piccolo
delle Biblioteche Riunite
“Civica e A. Ursino Recupero”
Monastero benedettino di San Nicolò l’Arena
Via Biblioteca 13, Catania

Presentazione del libro

Identità. L’altra faccia della storia
di
Adriano Prosperi

Laterza

 

Saluti

Rita Angela Carbonaro

Direttrice delle Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero 

Intervengono

Adriano Prosperi
Giuseppe Testa
Roberta Fai

 

copertina

Inserisci una didascalia

Che cosa rivela l’inarrestabile diffusione della retorica identitaria? Il fatto che nella nostra epoca, mentre le merci e gli oggetti si mondializzano, gli esseri umani si tribalizzano. Oggi fabbricare le identità serve soprattutto a questo, ad alzare una barriera di tradizioni e religioni che protegga ‘noi’ dagli ‘altri’, ignorando la dimensione del mutamento da cui nessuna storia è immune.

La ‘barbarie’ la troviamo a viso scoperto o celata sotto sinonimi. Tra questi sta conoscendo una fortuna crescente ‘identità’. E accanto a ‘identità, ‘radici’, ma anche ‘etnicità’, con gli antenati ‘nazione’ e ‘nazionalità’. Parole che sono diventate abituali nel nostro linguaggio ma che possono diventare pietre perché, come tutto ciò che serve a distinguere e a prendere coscienza di una separazione, contengono un potenziale violento pronto a giustificare aggressioni civili e guerre. È dietro queste parole che vediamo alzarsi in piedi individui collettivi di cui si presuppone una naturalistica e inassimilabile diversità. Se, come scriveva Saul Bellow, l’identità di un essere umano è quella definita dal racconto della sua vita, per estensione l’identità di un popolo o di una società umana sarebbe la sua storia. Ma nessuna definizione, per quanto acuta ed elegante, può impedirci di avvertire dietro questa parola, apparentemente così semplice e innocua, l’eco sorda della risacca della storia e dei rapporti di forza che ha ripreso a fare intensamente il suo antico lavoro: scaraventa sulle rive più diverse popoli e individui, quando non li cancella inabissandoli nel fondo del mare.

Pubblicato in Eventi Culturali, News | Contrassegnato , , , , , , , ,

SABATO 21 OTTOBRE 2017 ALLE ORE 9,30 NEL REFETTORIO PICCOLO DELLA BIBLIOTECA CELEBRAZIONE DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL SOROPTIMIST INTERNATIONAL CLUB DI CATANIA

locandina

 

Sabato 21 ottobre 2017 alle ore 9,30 

nel Refettorio piccolo delle Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero” di Catania

celebrazione
50° Anniversario della Fondazione
Soroptimist International Club di Catania

 

 

Saluti della Autorità

Interventi

Maria Silvia Monterosso
Presidente S.I. Club di Catania
Nel segno della Continuità: Cinquantanni di impegno e solidarietà

Rita Angela Carbonaro
Direttrice delle Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero”
Presentazione Service “Salviamo la Storia”: piccolo restuaro e rilegatura dell’annata 1967 del quotidiano “La Sicilia”

Conclusioni
Patrizia Salmoiraghi
Presidente S. I. Italia

In occasione dell’evento nelle Sale della Biblioteca sarà allestita una mostra che ripercorre attraverso documenti, fotografie, giornali e tanto altro i 50 anni del Soroptimist International Club di Catania.
La mostra sarà visitabile da martedì 17 ottobre a venerdì 20 ottobre 2017 dalle ore 9,00 alle ore 12,00.

Grazie alla generosità del Soroptimist International d’Italia- Club di Catania  abbiamo potuto restituire alla pubblica fruizione l’ annata 1967 del prestigioso Quotidiano della nostra città “La Sicilia”.

 

 

Pubblicato in News

LUNEDI’ 2 OTTOBRE 2017, IL PROFESSORE ORAZIO LICANDRO, ASSESSORE SAPERI E BELLEZZA CONDIVISA DEL COMUNE DI CATANIA, DURANTE UNA DELLE SUE SOLITE VISITE ALLA BIBLIOTECA HA DONATO LA SUA ULTIMA OPERA

Lunedì 2 ottobre 2017 il Professore Orazio Licandro, assessore ai Saperi e alla Bellezza condivisa del Comune di Catania è venuto a farci visita nella “nostra” Biblioteca.
In questa occasione il Professore Licandro ha donato la sua quarta e ultima fatica  “Cicerone alla Corte di Giustiniano. Dialogo sulla scienza politica (Cod. Vat. gr. 1298).Concezioni e dibattito sulle formae rei publicae nell’età dell’assolutismo imperiale”, “L’Erma” di Bretschneider, Roma, 2017.
Nonostante i Suoi numerosi impegni è riuscito, grazie ad un lavoro certosino,   dopo un lungo  e accurato studio, a licenziare un testo che sarà utile non soltanto agli studiosi del settore, ma anche a tutti i coloro i quali volessero conoscere e approfondire l’argomento.

DE013143

Un manoscritto mutilo risalente al X secolo, oggi conservato nella Biblioteca Apostolica Vaticana, contiene un prezioso, quanto misterioso, trattato anonimo di età giustinianea. Sotto forma di dialogo, due personaggi, Menas e Thomas, discutono della Scienza politica e tracciano le forme organizzative e le modalità di esercizio del potere politico di una basileia ideale. Esponenti della classe dirigente del VI secolo d.C., funzionari imperiali e probabilmente membri di quella formidabile squadra di commissari incaricata da Giustiniano di redigere la gigantesca compilazione, Menas e Thomas mettono a confronto la Kallipolis di Platone con il De re publica di Cicerone. Il libro affronta un testo poco studiato dagli storici del diritto che di per sé appare già come uno straordinario condensato della cultura politica, istituzionale, filosofica e religiosa dei secoli tardoantichi. Soprattutto vuol far emergere la straordinaria attualità del pensiero ciceroniano nell’èra di acciaio dell’ assolutismo imperiale. Alla corte di Giustiniano, in un momento cruciale della millenaria storia dell’ impero romano, la voce di Cicerone tornava a risuonare nelle stanze del potere grazie agli esponenti più acuti e visionari di quel ceto di burocrati-intellettuali di Costantinopoli. Costoro leggevano, studiavano e interpretavano i classici del pensiero politico, da Platone ad Aristotele, a Cicerone, per dare soluzione ai più pressanti problemi politici e costituzionali’ del loro tempo. Di Cicerone, del grande insuperato trattatista romano, recuperavano così l’ idea di costituzione mista e, reinterpretandola, ancoravano abilmente l’ ideologia ottimate repubblicana del migliore’ al sincretismo ideologico neoplatonico e cristiano: un princeps (o basileus), legittimato da Dio e dal popolo, coadiuvato da un gabinetto’ di aristocratici, avrebbe assicurato un governo temperato nel segno della concordia ordinum e della sinfonia celeste’ .

index

Orazio Licandro è professore ordinario di Diritto romano e di Epigrafia e Papirologia giuridica presso l’ Università degli studi Magna Grecia di Catanzaro, e insegna Epigrafia e Papirologia giuridica presso il Corso di Alta Formazione in Diritto Romano dell’ Università degli Studi Sapienza di Roma. Dirige il Laboratorio giuridico di Epigrafia, Papirologia e Codicologia, collane monografiche ed è componente di comitati scientifici di riviste internazionali. È Visiting Professor presso la Law School of Zhongnan University of Economics and Law di Wuhan (Cina). Autore di numerose monografie, ha pubblicato oltre 50 saggi sulle istituzioni giuridiche e politiche della Roma antica, su riviste internazionali, atti di convegno, raccolte di studi. Tra i suoi libri più recenti: L’ Occidente senza imperatori. Vicende politiche e costituzionali nell’ ultimo secolo dell’ impero romano d’ Occidente (455-565 d.C.) (Roma 2012); Edictum Theoderici. Un misterioso caso librario del Cinquecento (Roma 2013); L’ irruzione del legislatore romano-germanico. Legge, consuetudine e giuristi nella crisi dell’ Occidente imperiale (V-VI sec. d.C.) (Napoli 2015). È stato Consigliere comunale, Deputato nazionale e capogruppo nelle Commissioni parlamentari Antimafia e Affari costituzionali. Attualmente è Assessore alla Cultur,ai Saperi e alla Bellezza condivisa del Comune di Catania.

 

Pubblicato in Donazioni, News | Contrassegnato , , , , , , , , , ,

SABATO 23 SETTEMBRE 2017 CON NOTEVOLE SUCCESSO DI PUBBLICO SI E’ CONCLUSA LA MOSTRA “GLI EBREI IN SICILIA”

Sabato 23 settembre 2017 con notevole successo di pubblico  si è conclusa  la mostra “Gli Ebrei in Sicilia”, organizzata nell’ambito della Giornata Europea della Cultura Ebraica “Diaspora: Identità e dialogo”, dal Comune di Catania e UCEI- Unione Comunità Ebraiche italiane, allestita nelle varie Sale della Biblioteca.

Il pubblico è rimasto interessato e incuriosito dai 22 pannelli,  a cura di UCEI e FBCEI della mostra Sicilia Judaica, che riproducevano  la mostra curata da Nicolò Bucaria realizzata nel 2002 dalla Regione Siciliana -Assessorato Regionale dei Beni Culturali e della Pubblica Istruzione, Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali – Palermo,  tanto da richiedere che il testo in essi contenuto fosse riportato su una brochure o un sito poichè leggerli tutti avrebbe richiesto molto tempo. Infatti solo poche persone sono rimaste per ore ad assaporare il testo sul luogo.

I visitatori hanno soprattutto apprezzato l’esposizione di manoscritti, pergamene, cinquecentine, libri rari e di pregio e periodici. Hanno ammirato il prezioso Calendario Ebraico del XIII secolo esposto nella “Sala Vaccarini”. Il Calendario ebraico fu acquistato a Roma,a proprie spese, tra il 1740 e il 1750, dall’ “insigne religioso” D. Placido Maria Scammacca,  bibliofilo e generoso mecenate, per dotarne la Biblioteca del Monastero di San Nicolò l’Arena. Esso proveniva dalla vendita della preziosa Biblioteca dell’ illustre Cardinale Iacopo Lanfredini morto nel 1741. Il Cardinale Lanfredini, uomo di notevole spessore intellettuale e tenuto in grande considerazione dalla Curia Romana,  Consigliere di Innocenzo III, Benedetto XIII, Clemente XII e Benedetto XIV. Rampollo (ultimo) della Famiglia Lanfredini di Firenze ereditò tra i numerosi manoscritti codici e libri preziosi della Biblioteca di famiglia anche il codice in esame. Dai documenti  risulta che il Calendario Ebraico era già in possesso prima di Gio. Battista Lanfredini , Ministro di Lorenzo il Magnifico. Alla sua morte, il Cardinale Iacopo Lanfredini lasciò la Biblioteca ai Sacerdoti missionari che immediatamente la misero in vendita.

Oltre a turisti, visitatori e utenti, hanno visitato la mostra numerose scolaresche. Mercoledì 20 settembre 2017 si è svolto il  Seminario “Gli ebrei in Sicilia” a cui hanno partecipato oltre 200 alunni dell’Alberghiero “K. Wojtyla” e Liceo Classico “N. Spedalieri”, accompagnati dai professori, dal Dirigente Scolastico, dalla Reggente Daniela Di Piazza, da Carmelo Napoli vicario del Liceo Classico “Spedalieri”, nel progetto alternanza scuola-lavoro. Dopo i saluti della Direttrice e di Salvatore Castro presidente Comitato “Antico Corso”, ha conversato sul tema degli Ebrei in Sicilia  la dottoressa Luna Meli. Ha moderato Lella Battiato.

 

Pubblicato in Eventi Culturali, Mostre, News | Contrassegnato , , , , , , , , , , ,